A spasso tra antiquari

Tra Parma, Piacenza e Reggio Emilia, le mille occasioni di Destinazione Turistica Emilia  per i fan di vintage, antiquariato e modernariato.

Sarà una forma di reazione all’imposizione di un arredamento a basso costo che rischia di omologare gli interni di case e appartamenti ma la mania per la ricerca dell’oggetto unico e pieno di storia, magari scampato più volte all’ansia dello spazio in cantina, sembra essere definitivamente esplosa. Il risultato è che ogni weekend diventa l’occasione per andare alla scoperta dei mercatini che – specie il sabato e la domenica – danno una nuova identità alle piazze e alle strade di Destinazione Turistica Emilia, offrendo ai patiti del vintage, dell’antiquariato e del modernariato la possibilità di conoscere meglio – o di scovare per la prima volta – angoli inediti delle città di Parma, Piacenza e Reggio Emilia e borghi della provincia che si animano all’improvviso, sotto le luci di un passato che continua a brillare.

 

Ogni secondo sabato del mese, fatta eccezione per gennaio, luglio e agosto, il tradizionale mercatino Viaromantiquaria di Reggio Emilia invade l’incrocio tra Via Roma e Piazza Scapinelli con una debordante ed eterogenea collezione di articoli di arte e antiquariato, cose vecchie o usate, numismatica e filatelia, collezionismo, stampe e quadri antichi e simili. Ai patiti del riuso e delle grandi occasioni, basta aspettare un giorno e spostarsi nella Piazza Bentivoglio di Gualtieri (RE), dove – ogni seconda domenica del mese – va in scena un ormai storico Mercatino dell’Antiquariato che raccoglie puntualmente un centinaio di espositori e un numero sempre crescente di acquirenti, animati dal desiderio di accaparrarsi autentici pezzi di storia, dai mobili ai giocattoli, fino agli utensili e alle locandine. La statua di Ferrante Gonzaga, la Cattedrale di San Pietro e il Palazzo del Comune offrono invece il contesto che ogni terza domenica del mese – a esclusione di gennaio e agosto – incornicia il Mercatino dell’Antiquariato di Guastalla (RE). Quella che si offre agli occhi dei visitatori è una ricca esposizione di stampe e libri antichi, dipinti e incisioni, manifesti, cartoline, francobolli, riviste, manifesti, fumetti, banconote e monete rare.

 

A Parma, la passione per l’antiquariato e il modernariato è cresciuta a dismisura conquistando le dimensioni di una vera e propria fiera, capace di chiamare a raccolta più di mille espositori da tutte le piazze antiquarie europee. Con i suoi due appuntamenti, in primavera e in autunno – dal 2 al 20 marzo e dal 5 al 13 ottobre 2019 –  Mercanteinfiera si rivolge a collezionisti, designer, esperti di fotografia, architetti e curiosi alla ricerca di pezzi unici o sorprendenti, salvati dall’oblio e rimessi in circolazione. Quello ospitato dalle Fiere di Parma è oggi considerato uno dei maggiori appuntamenti del settore e assembla uno scenario composito, a suo modo fantastico, risultato dell’accostamento tra stili diversi in una delle capitali della Food Valley. Un sabato al mese, la tentazione per l’antico e per il moderno si sposta in città per dare vita ad Artesauro: animata da uno spirito vintage, Via Nazario Sauro prende la forma di un piccolo borgo dominato dagli antiquari che propone agli avventori articoli di abbigliamento e oggettistica varia.

Ogni terza domenica del mese, dalle 7.30 alle 18.30 si tiene il mercatino dell’antiquariato di Fontanellato (PR), a ingresso libero su seimila metri quadrati di piazza, vie e portici, si qualifica con oggettistica di spessore storico e d’arte con specifici banchi di espositori attorno alla Rocca Sanvitale e lungo i portici.

 

Alzando lo sguardo, il Mercato del tempo che fu riporta indietro le lancette in Piazzetta Plebiscito e nelle vie Sopramuro, San Donnino e Savini a Piacenza. Ogni secondo sabato del mese, stand e bancarelle di oggettistica e manufatti creativi fanno concorrenza a quello che, circa 20 chilometri più a sud, in direzione di Parma, è probabilmente una delle mete obbligate per chi cerca il nuovo nel vecchio. La Mostra Mercato dell’Antiquariato e delle Cose d’altri tempi è un evento di culto che ogni prima domenica del mese porta nelle vie e nelle piazze del centro di Cortemaggiore (PC) oltre 200 espositori provenienti da ogni parte d’Italia. Tranne che a gennaio, d’estate come d’inverno, la ricchissima varietà di oggetti vintage, d’antiquariato e di modernariato, contribuisce dal 1988 a rendere ancora più necessaria una visita nel piccolo borgo rinascimentale.

 

Proposta di soggiorno

Il club di prodotto Reggio Tricolore – Itinere propone il pacchetto “A spasso tra antiquari”, valido per tre giorni e due notti.

La quota di 420 euro per persona comprende: due pranzi, visita guidata di Gualtieri (ed il suo mercato di Antiquariato), visita guidata di Reggio Emilia (ed il suo mercato di antiquariato), visita di Sabbioneta, due pernottamenti in camera doppia con colazione in hotel a 3 stelle.

Per info: Club di Prodotto Reggio Tricolore – Itinere

tel. 0522 1696020. E-mail: info@itinere.re.it

www.reggiotricolore.com

 

Parma

Per info: Destinazione Turistica Emilia – Iat di Parma.

Tel. 0521 218889. E-mail:turismo@comune.parma.it
Piacenza

Per info: Destinazione Turistica Emilia – Iat di Piacenza.

Tel. 0523 492001. E-mail: iat@comune.piacenza.it

 
Reggio Emilia

Per info: Destinazione Turistica Emilia – Iat di Reggio Emilia.

Tel. 0522 451152. E-mail: iat@municipio.re.it

 

Link Dropbox Cartella Immagini: http://bit.ly/DTEAntiquari

 

Per informazioni: Destinazione Turistica Emilia

Parma – Piacenza – Reggio Emilia

Viale Martiri della Libertà, 15 – 43123 Parma

Tel. 0521 931634

E-mail: info@visitemilia.com

Sito web: www.visitemilia.com

 

 

Ufficio Stampa per Destinazione Turistica Emilia: 

Carla Soffritti 

Tel. 0521 336376  Cell. 335 8388895

E-mail: press@visitemilia.com

Sito web: www.elladigital.it