La festa del mondo alla rovescia al Castello di Petroia

Nell’autentico maniero medievale tra le colline umbre il 16 marzo 2019 il Carnevale si festeggia come quando è stato inventato, con banchetto d’epoca e l’intrattenimento di un elegante giullare.

 

Quanti conoscono le origini del Carnevale? E chi lo ha mai vissuto come quando è stato creato? Al Castello di Petroia (PG), maniero medievale immerso tra le colline umbre, sull’antica strada tra Perugia e Gubbio, la festa “del mondo alla rovescia” si vive come quando è stata inventata. Nel Castello millenario le origini medievali di quello che era chiamato “Il Carnasciale” vengono rievocate con una serata speciale, che trasforma la festa più pazza dell’anno in una vera e propria immersione nella storia. Tra le maestose mura del maniero, che rappresenta un autentico esempio di fortezza del Medioevo, prende vita un banchetto medievale, con costumi d’epoca, musica, ricette ispirate ai piatti antichi, l’atmosfera delle candele che illuminano le pareti di pietra e l’intrattenimento di un elegante “giullare”, che condurrà gli ospiti in un mondo magico e “capovolto”, il momento dell’anno in cui ogni distinzione, potere e gerarchia sociale si annullava e si poteva diventare liberamente qualcun altro.

La cena medievale carnevalesca si anima sabato 16 marzo 2019, nella suggestiva Sala degli Accomandugi del Castello di Petroia, rischiarata dalle candele. I commensali, disposti in un’unica tavolata come nei tempi antichi, assaporeranno i piatti preparati dallo Chef Walter Passeri, per assistere poi allo spettacolo del re del banchetto, il giullare Leonetto delle Ruzza, interpretato dall’attore Giuseppe Brizi, il quale con fare istrionico intratterrà gli ospiti narrando di sfide tra cavalieri e amor cortese, in lingua volgare e l’accompagnamento di musiche d’epoca. Per ogni pietanza, un’immersione nelle vecchie ed intriganti storie del Castello.

A tavola si potrà assaporare “lo mangiar de lo ritorno”, Ravioli pregni de carne cinghialina, Pollo del Ducato “de cucina”; Porco magnificato “de forno”; Pan di mela “de madia”; e olio L’oro de Petroja, con Rosciotto de Cerqua Cottora e Fratticciolo Selvatico “de cantina”. Non mancheranno vini umbri.

Il prezzo del banchetto con festa medievale è di 45 euro a persona. Con il soggiorno nelle bellissime camere e suite del Castello di Petroia, inclusa la colazione, il prezzo è da 120 euro a persona a notte.

Link Dropbox cartella immagini: http://bit.ly/fotopetroia

 

Per informazioni: Castello di Petroia

Loc. Petroia –  Gubbio (PG)

Tel. 075 920287

E-mail: info@petroia.it

Sito Web: http://www.petroia.it/

Ufficio stampa -> http://www.elladigital.it